Bormioli Luigi, accordo che tutela i lavoratori di Parma

Jul 15 2016
(0) Commenti
  • Facebook
  • Twitter
  • Instagram
Da Cristina Sgobio / 1 ora fa /

Presentato da CGIL, CISL, FILCTEM e FEMCA territoriali, il documento affronta temi cruciali quali appalti, videosorveglianza, demansionamento e licenziamenti illegittimi


L’accordo siglato da CGIL, CISL, Filctem CGIL e Femca CISL territoriali con Bormioli Luigi SpA è innovativo e va nella direzione di conciliare qualità di impresa e qualità del lavoro. Il documento riguarda quattro capitoli fondamentali del rapporto tra azienda e lavoratori: appalti, videosorveglianza, demansionamento e licenziamenti illegittimi.

“Abbiamo provato, in un’azienda dove le relazioni industriali vanno avanti ormai da anni con una certa concretezza, ad introdurre regole che restituiscano dignità ai lavoratori – ha spiegato Simone Cavalieri, segretario generale Filctem CGIL Parma – per riportare tutele e diritti in alcuni ambiti in cui vediamo che oggi risultano sempre più minacciati e difficili”.

Sugli appalti si è concordato che, per evitare la piaga del massimo ribasso, l’azienda potrà sottoscriverne solo con società che applichino i contratti nazionali di cui siano firmatarie le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. Si prevede una clausola sociale con l’obbligo di assunzione dei lavoratori già impiegati in caso di cambio appalto e il mantenimento dell’anzianità di servizio per gli stessi.

Oggi le aziende si possono muovere sostanzialmente in maniera unilaterale, non avrebbero più bisogno di sottoscrivere accordi con organizzazioni sindacali e RSU. Con questo accordo si torna indietro sia in tema divideosorveglianza, che si riconduce nell’alveo della legge 300 dello Statuto dei lavoratori, sia per quanto riguarda il capitolo demansionamento: in entrambi i casi ci dovranno essere accordi con la RSU e il sindacato di categoria.

Per i licenziamenti collettivi illegittimi viene ristabilito, indipendentemente dall’anzianità di assunzione, il principio della reintegrazione del lavoratore nel suo posto, una tutela molto forte in controtendenza rispetto alle più recenti normative del mercato del lavoro.

“Mi preme sottolineare la centralità del soggetto dell’accordo – ha tenuto a precisare Germano Guiraud, della Femca CISL – che tornano ad essere le lavoratrici e i lavoratori, non più unicamente il profitto e la produttività”. E anche Massimo Bussandri, segretario generale CGIL Parma, ha inteso precisare la rilevanza confederale dell’accordo in un’azienda così importante del territorio.  “È in atto in questa fase storica – ha chiosato – una discussione (se non un vero e proprio conflitto) su quale possa essere il modello di competitivitàche le aziende devono spendere per restare sul mercato. Questo accordo offre un modello positivo, in cui la competizione non è giocata solo sul costo del lavoro ma che considera i lavoratori e i loro diritti esattamente come gli altri elementi che formano la catena del valore in ambito industriale. Questo è il valore aggiunto di questo accordo, che segue e per alcuni versi perfeziona quello sottoscritto alcuni mesi fa in Bormioli Rocco, e questo è il motivo per cui è da ritenersi un modello che non deve valere solo per le aziende del vetro, ma che può offrire un esempio virtuoso per altre realtà produttive del nostro teritorio”. Posizione quest’ultima ribadita anche da Angela Calò, presente all’incontro in veste di segretaria confederale CISL Parma e Pacenza.

Per saperne di più: http://parma.repubblica.it/cronaca/2016/07/15/news/bormioli_luigi_accordo_che_tutela_i_lavoratori_di_parma-144167382/

Articoli Correlati

Lascia un commento